Caffè robusta: cos’è, storia e caratteristiche

0
512
caffè-robusta-costiera-caffè-design

Che cos’è il caffè Robusta?

Tra oltre un centinaio di specie, il caffè robusta è riuscito a diventare il secondo caffè più popolare sul mercato mondiale. Vediamo come e perché.

Il caffè Robusta è un tipo di caffè ottenuto dai chicchi (i semi) della pianta di caffè conosciuta con il nome di Canephora Coffea che ebbe origine nell’Africa sub-sahariana centro-occidentale. Rappresenta il 40% della produzione mondiale di caffè ed è il secondo caffè più popolare al mondo, dopo il caffè arabica che costituisce il 60% del mercato.

Origini del robusta

Il caffè Robusta è in gran parte coltivato nell’emisfero orientale, principalmente in Africa e Indonesia. Il più grande produttore mondiale è il Vietnam.

Viene spesso utilizzato nel caffè istantaneo e nelle miscele di caffè espresso. Nelle preparazioni domestiche  il miglior modo per ottenere il massimo dai chicchi di robusta è utilizzarlo nella preparazione di un espresso.

Che sapore ha il caffè robusta?

Ha un sapore terroso e amaro, gommoso,  simile al grano, con un retrogusto di arachidi.

I chicchi contengono più caffeina e meno zucchero rispetto a quelli di arabica con un conseguente sapore più forte e più duro.

Pianta di Robusta

La pianta di robusta da cui ha origine il caffè, è una pianta resistente alle temperature molto calde e che ama terreni molto acquosi. In natura cresce fino a circa dieci metri di altezza, ma quando viene coltivata per uso commerciale viene potata ad un’altezza che facilita la raccolta, di circa cinque metri. I fiori sono bianchi e profumano di gelsomino, il frutto diventa rosso intenso mentre matura e impiega dai 6 agli 8 mesi per farlo. Di solito si trovano due chicchi di caffè all’interno di ogni bacca matura.

Solitamente cresce a bassa quota ed è resistente agli insetti e alle malattie.

Se hai sentito dire che una delle differenze tra arabica e robusta è che c’è più caffeina nel robusta, hai sentito bene. La robusta contiene circa il doppio della caffeina. Questo fa sì che la pianta sia meno suscettibile ai parassiti e alle malattie. Questo perchè il sapore più amaro e le proprietà antimicrobiche conferite dalla caffeina allontanano gli uni e gli altri.

La caffeina più elevata nella robusta si riflette anche in un sapore più amaro nel caffè preparato.

Dove viene coltivato?

Come accennato in precedenza, la maggior parte della robusta viene coltivata nell’emisfero orientale, ma alcune piantagioni sono presenti anche nel Sud e nell’America centrale.

Di seguito un elenco dei maggiori produttori di:

  • Vietnam
  • Brasile
  • Indonesia
  • India
  • Uganda
  • Malaysia
  • Costa d’Avorio
  • Tailandia
  • Camerun
  • Filippine
  • Madagascar
  • Guinea
  • Guatemala

Il caffè robusta è buono?

A questo punto ti starai chiedendo se la robusta ha un buon sapore – beh, quello che è certo è che la robusta aggiunge una bella crema alle miscele di caffè espresso. 

Dalle nostre parti dove è il caffè espresso a farla da padrone, la qualità robusta è molto usata ed apprezzata.

Riassumendo, se ti piacciono la crema sul tuo caffè e le note di sapore più dure e più terrose, è il caso di considerare miscele a base di robusta. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here